Napoli, durissimo scontro su Gratteri: “Preferivamo qualcun altro”

0
509
Nicola Gratteri
Nicola Gratteri intervistato a Piazza Pulita su La7

Per Gratteri “in Calabria restano solo i caproni”, e a Napoli solo “chiacchere da bar”. La risposta degli avvocati calabresi alle dichiarazioni: “Prima indagare, leggere, studiare e solo poi pubblicarne il risultato, o forse non pubblicarlo affatto”.

Continuano le polemiche su Gratteri

All’indomani della sua nomina a capo della Procura di Napoli circa un mese fa (14 settembre), i primi malumori furono espressi da Magistratura Democratica della città partenopea, come abbiamo già riportato qui.

Si sono aggiunti anche quelli della Camera penale di Napoli che accolgono Gratteri con il seguente augurio: «Auguri di buon lavoro, ma avremmo preferito un altro dal profilo meno militare»

Questa volta sono gli avvocati calabresi che rispondono alle offese del procuratore ad una intera categoria di professionisti della giustizia.

Le dichiarazioni ritenute offensive dagli avvocati calabresi sono state registrate durante l’incontro “Il rapporto etico tra magistratura e avvocatura”, che si è svolto presso la Corte di Appello di Catanzaro il 5 ottobre.

Le dichiarazioni che hanno provocato la dura reazione degli avvocati sono state relative ad un suo “ricordo”:

«Quando c’erano 1400 iscritti da tutta Italia per fare gli esami da avvocato a Catanzaro. Per me era una vergogna, venivano perché ci consideravano l’Africa del Nord. Quel fatto costa all’avvocatura catanzarese in termini di immagine e credibilità. Non risolvete tutto col documento di solidarietà, i problemi sono ancora più profondi». Continua con un attacco alla stessa formazione dei professionisti, poiché in Calabria: «è stata condotta una errata politica universitaria. A cosa servono tre facoltà di Giurisprudenza? Creiamo solo il passaporto per fare emigrare i ragazzi calabresi neolaureati e ci teniamo i ‘caproni’, facendo impoverire la Calabria. Il re è nudo, è inutile che tenete condannati iscritti negli albi perché perdete di credibilità e prestigio. Dopo aver letto e studiato potete criticare e fare opposizioni, il rispetto bisogna guadagnarselo sul campo di battaglia».

Ma chi sarebbero i “caproni” che restano in Calabria? E chi i “pettegoli” nei bar di Napoli?

Non sono solo i caproni calabresi che rispondono a Gratteri. Anche i penalisti di Napoli hanno criticato le modalità che contraddistinguono le azioni del procuratore hanno avuto una definizione.

Le accuse per lui sono “solo pettegolezzi”.  Le definisce così, derubricando una serie di osservazioni e critiche come discussioni da bar. Il salotto è “Sorrento d’autore”, una rassegna dell’agenzia Vis Factor. A margine dell’intervento alla domanda specifica di alcuni penalisti risponde: «Ognuno è libero di dire quello che pensa, non vado appresso a pettegolezzi e chiacchiere da bar, sono stato il felice procuratore di Catanzaro e spero di essere il felice procuratore di Napoli. Vado a Napoli a mettere a disposizione la mia storia e il mio lavoro, le persone perbene dovrebbero esserne felici e tranquille, e chi non lo è non è una mia preoccupazione».

La lettera integrale dei penalisti di Napoli «Avremmo preferito un profilo diverso alla guida della Procura napoletana»

Mettiamo in versione integrale la lettera diffusa dai penalisti napoletani nei primi di ottobre:

«La Giunta della Camera Penale di Napoli esprime i più sinceri auguri di buon lavoro al Dott. Nicola Gratteri, recentemente designato come nuovo Procuratore Capo della Procura repubblica partenopea. L’auspicio è che il Dott. Gratteri prosegua – eventualmente anche implementandolo – l’ottimo lavoro svolto negli ultimi anni dai suoi predecessori, il Dott. Melillo e la Dott.ssa Volpe.

Negli ultimi anni la Procura di Napoli si è infatti caratterizzata per l’interlocuzione costante, franca e proficua con l’avvocatura; per un’incessante opera di modernizzazione e razionalizzazione dell’Ufficio che, grazie anche ad un uso coraggioso e ragionato delle nuove tecnologie, ha raggiunto buoni livelli di efficienza; per il rapporto nella gran parte dei casi sobrio e rispettoso delle garanzie degli indagati e della presunzione di innocenza – ancor prima che entrasse in vigore la recente novella legislativa – con gli organi di stampa, dopo gli “scantonamenti” che avevano caratterizzato gli ultimi due decenni; per un uso moderato e rigoroso della custodia cautelare che, quantomeno nel distretto partenopeo, è tornata ad assumere quel ruolo di extrema ratio voluto dal Legislatore; per il tentativo infine, ancora in fieri ma che ha già raggiunto risultati soddisfacenti, di razionalizzare le risorse investigative e processuali, concentrando l’attenzione su fatti e condotte che effettivamente destano allarme sociale ed inquinano il vivere civile.

Si sono raggiunti risultati importanti e, soprattutto, si è tracciata una nuova strada che sarebbe un gravissimo errore abbandonare. Non ci sfugge ovviamente – e sarebbe ipocrita da parte nostra non farne cenno – che la storia e soprattutto talune dichiarazioni pubbliche del neo- Procuratore destano qualche perplessità, poiché in taluni casi agli antipodi con quell’idea di diritto penale liberale e democratico di cui i penalisti (e soprattutto le camere penali) sono da sempre strenui sostenitori. Così come non ci può certo sfuggire il rapporto sovente turbolento che il neo-procuratore ha avuto con gli avvocati calabresi che, in più di un’occasione, sono stati costretti a dar vita a condivisibili iniziative di protesta e di denunzia finalizzate a portare a conoscenza dell’opinione pubblica alcune innegabili torsioni avvenute, specie nei processi di criminalità organizzatanei vari Tribunali della Calabria.

Siamo tuttavia convinti che il Dott. Gratteri abbia sufficiente intelligenza e cultura per comprendere le specificità di ogni singolo territorio e di ogni stagione, evitando di riproporre schemi e visioni che mal si attaglierebbero ad una realtà come quella napoletana. Napoli – pur nelle sue complessità e con talune evidenti difficoltà – è una metropoli europea protesa verso un futuro che si auspica sempre più radioso. È una città che ha vissuto periodi drammatici (ed in parte ancora li vive, dovendosi registrare ancora un tasso di violenza inaccettabile figlia in buona parte del degrado economico e culturale in cui ancora vive una parte della popolazione) dai quali sta faticosamente uscendo soprattutto grazie ad un tessuto sociale fatto di cittadini, professori, professionisti, imprenditori ed associazioni ed una parte non irrilevante del suo ceto politico che ha ben operato, con onestà, impegno e competenza.

Una narrazione che, di contro, dovesse descrivere la realtà napoletana (e più in generale quella campana) come un coacervo di interessi opachi, di “logge” criminali e/o massoniche in grado di orientare sensibilmente la vita politica ed economica della città, oppure come una città “culturalmente o geneticamente” dedita al crimine o al malaffare e come un luogo da bonificare con le manette e con la forza militare dello Stato suonerebbe immediatamente grottesca e controproducente, poiché tutti ne coglierebbero chiaramente la natura strumentale ed, in definitiva, errata.

Vogliamo essere onesti fino in fondo: avremmo preferito un profilo diverso alla guida della Procura napoletana. Un profilo meno operativo/militare poiché il problema – a Napoli forse più che altrove – non è fare tabula rasa del passato, quanto avere la capacità di comprendere e governare la complessità, estirpando attraverso un lavoro certosino e chirurgico le sacche di malaffare e delinquenza che ancora impediscono ai cittadini l’esercizio di tutti i loro diritti costituzionalmente garantiti. Ma al di là dei nostri desiderata, crediamo che – pur nella profonda differenza di vedute e di orientamenti culturali che certamente permarranno e con i diversi ruoli e responsabilità di cui ciascuno è portatore – il Dott. Gratteri possa, abbandonando auspicabilmente alcune posture del recente passato non del tutto in linea con il ruolo di “capo” della prima Procura italiana, svolgere egregiamente il suo difficile compito nell’interesse di tutti i cittadini. Noi penalisti – come sempre – vigileremo e ci impegneremo fattivamente perché ciò accada».

L’Associazione Nazionale Magistrati, sezione di Napoli, difende Gratteri ed invita alla creazione di un clima sereno «In questo momento storico – è stato evidenziato in un comunicato diffuso ieri – in cui quotidianamente si verificano nel circondario episodi di inaudita violenza che fanno registrare la morte di giovani e innocenti vittime della criminalità più che mai, è necessario un clima di serenità nel lavoro quotidiano di tutti i protagonisti del mondo giudiziario».

Leggi anche:

Contributo esterno

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui