Strage di Cutro. Tre giorni di eventi per non dimenticare

0
149

24, 25 e 26 febbraio. Tre giornate ricche di incontri, dibattiti, sport e preghiera.

Si inizia il 24 mattina a Crotone, con la partita di calcio allo Stadio Ezio Scido e termina la mattina del 26 con la conferenza stampa al Museo Pitagora.

Ma il momento più toccante sarà la veglia che avrà inizio alle ore 4 del mattino del 26, per ricordare il momento in cui tutto ebbe inizio. Si farà sulla spiaggia di Steccato di Cutro, da dove, esattamente un anno prima, affiorarono le prime vittime. Le prime di 94 persone che persero la vita in una tragedia annunciata.   

Di recente è stato diffuso un video di quei tragici momenti. Dei video girati dai soccorritori che per primi giunsero sulla spiaggia. Sono stati acquisiti dal Tribunale di Crotone durante l’udienza del 14 febbraio. Nel link del quotidiano Il Crotonese si possono vedere le tragiche sequenze e immagini che si commentano da soli.

Saranno presenti circa cinquanta fra superstiti e familiari delle vittime per non dimenticare

Hanno già aderito in molti all’appello.

Il programma è il seguente:

Sabato 24 mattina, alle 10.30 il “Friendly match”, si svolgerà la “partita di calcio antirazzista” nello stadio “Ezio Scida” organizzata in collaborazione con ResQ, People Saving People e con il patrocinio del Crotone FC. Alle 16, al Museo di Pitagora sarà inaugurata la mostra fotografica “I sogni attraversano il mare”, a cura di Giuseppe Pipita, reporter de Il Crotonese. In seguito la rappresentazione teatrale “La renaissance des filles afghanes”, curata dalla compagnia formata dalla comunità afgana in Italia Théâtre de Mahoor.

Domenica 25 il ritrovo è alle 15.00 in Piazzale Nettuno per una manifestazione che, passando per il Palamilone, luogo simbolo ove fu allestita la camera ardente, si giungerà al Museo Pitagora ove avrà luogo il dibattito.

Lunedì mattina, alle ore 4.00 vi sarà la veglia. In seguito si ritornerà a Crotone al Museo Pitagora per la conferenza stampa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui