Sorrento: affitti brevi anzi brevissimi

0
206
Sorrento
Foto di Arnold Nagy: https://www.pexels.com/it-it/foto/mare-spiaggia-vacanza-acqua-12063879/

Sorrento, si sa, soffre di troppo turismo e le notizie dal fronte non sono confortanti. Traffico paralizzato, lunghe file nelle gallerie.

di Gaetano Maresca

Sorrento, si sa, soffre di troppo turismo e le notizie dal fronte non sono confortanti. Traffico paralizzato, lunghe file nelle gallerie da Castellammare e ora anche da Massalubrense, sono la certificazione del fallimento delle targhe alterne, vanificate da mille eccezioni, deroghe al dispositivo per grazia ricevuta da qualche Sindaco preoccupato per il consenso elettorale minacciato da categorie importanti di Cittadini.

Sorrento: affitti brevi anzi brevissimi

Sorrento

E mentre l’affare s’ingrossa, si arrovella, s’ingarbuglia, compaiono sulla piazza virtuale le offerte promozionali di società di gestione che si prendono cura degli appartamenti ancora disponibili. Questi gli slogan:

  • Trasforma il tuo immobile in una fonte di guadagno affidandoti a noi.
  • Non hai tempo o competenze per gestire l’attività? Delega a noi la gestione completa, senza costi fissi o costi di avvio. Ci occuperemo di tutto noi:
  • Potrai usufruire dell’immobile quando vorrai;
  • Zero pensieri. Ci occuperemo noi di tutto, dalla parte burocratica al check-in/check-out, passando per le pulizie e coperture assicurative.

Mi sembra abbastanza ovvio che i proprietari di seconde case esclusi dall’ultima infornata di esenzioni delle targhe alterne, (perché ancora non hanno un sindacato che li rappresenti), pensino di darle in gestione, visto che il loro diritto è limitato dal pari e dispari. L’incentivo gli viene dato proprio da chi dovrebbe pensare a riequilibrare la famosa capacità di carico residenti/ospiti.

Né ci sono segnali di volersene occupare o di sapersene occupare. E si mancano, le opportunità offerte dal Convegno G20 Spiagge di Arzachena, per capire come località, veramente balneari, si stanno organizzando per far fronte al fenomeno. Non c’è nemmeno la curiosità di sapere come fanno gli altri.

Se ”il pubblico” non scende in campo, la partita è persa a tavolino.

Resistete e non perdeteli di vista. 

Leggi anche:

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui