Putin strizza l’occhio ai jihadisti, vertice a Mosca con Hamas e Iran

0
109
Putin

Putin strizza l’occhio ai jihadisti. Giovedì 26 ottobre, le delegazioni di Iran e Hamas si sono recate a Mosca per dei colloqui sulla situazione in Israele.

I colloqui hanno dato particolare centralità sull’evacuazione dei cittadini russi da Gaza. Per la delegazione di Teheran vi era il viceministro degli Esteri Ali Bagheri Kani.

Mentre i rappresentanti dell’organizzazione terroristica palestinese sono stati guidati da Abu Marzuk, alto esponente del movimento.

 È utile ricordare che La Russia ha importanti legami geopolitici con tutti gli attori principali del Medio Oriente, quindi compresa l’organizzazione terroristica e Israele. Il Cremlino ha sempre incolpato l’incapacità diplomatica statunitense, tesi appoggiata anche da Hamas.

Che il Cremlino voglia aumentare il proprio impegno nello scenario mediorientale è difficile da credere, soprattutto con la guerra in Ucraina e le trattative ancora in corso per un accordo di pace tra Azerbaigian e Armenia.

La maggior parte delle risorse di Mosca sono concentrate in questi due fronti. 

Putin strizza l’occhio ai jihadisti, il fronte anti-USA prende forma

Che Putin abbia deciso di accogliere una delegazione del movimento palestinese è legato alla volontà dell’Iran di garantire al proprio partner terrorista altri canali internazionali di comunicazione e all’asse Mosca-Teheran.

Sta di fatto che Il fronte anti-Usa si salda con la visita, a Mosca, dei rappresentanti di Hamas, confermata dalla portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zacharova.

La portavoce ha confermato tutto durante una conferenza con i giornalisti.

Alla fine dell’incontro è emerso che l’Iran fornirà droni alla Russia per la guerra con l’Ucraina, e che sosterrà Hamas nel suo attacco contro Israele.

Infatti, non per pura coincidenza, sia Putin che Hamas sono accomunati dal fatto di essere per Biden “nemici delle democrazie”

Mosca ha teso la mano ad Hamas, anche se i legami della Russia con Israele sono molti stretti, anche per il gran numero di russi ebrei che vivono in quel Paese.

Il clima della politica internazionale diventa sempre più incandescente.

Leggi anche: https://www.centrosud24.com/ai-cyberattacks-quanto-sono-pericolosi-e-come-difendersi/

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui