Paola Egonu fuori dalla Nazionale in vista delle Olimpiadi: è polemica

0
276

Dopo la debacle dell’Italia agli Europei che sarà costretta a tornare in campo per le qualificazioni alle Olimpiadi di Parigi 2024, è bufera nel mondo del Volley: Paola Egonu non ci sarà.

di Antonella Coletta

Diventa un vero e proprio caso mediatico la scelta di prendersi una pausa dalla Nazionale
dopo essere stata la riserva di lusso di questi Europei.

Paola Egonu non ha certo bisogno di presentazioni. Un talento innato per la pallavolo. Considerata tra i migliori opposti al mondo e pluripremiata come miglior giocatrice in tante competizioni prestigiose.

«Paola è probabilmente l’attaccante più forte al mondo. La conosco benissimo, l’ho allenata per tre anni e so che giocatrice è. La conosco molto bene anche dal punto di vista umano, credo stia soffrendo per questa situazione e mi dispiace tantissimo per lei. Immaginare una Nazionale senza Egonu credo sia una follia».

Ad affermarlo in un’intervista del Corriere della Sera non è uno qualsiasi, bensì il neo laureato Campione d’Europa con la Turchia Daniele Santarelli.

In verità, la scelta della Egonu sembra essere l’epilogo di una frattura che viene da lontano, forse a seguito della magra consolazione del bronzo ai mondiali 2022 o forse ancora prima.

L’assenza in Nazionale di Paola Egonu: un giallo dalle tinte forti

Non sono chiare a tutt’oggi le ragioni ma diversi elementi, in parte avvalorati dalle stesse dichiarazioni di Mazzanti, suggeriscono l’esistenza di un clima tutt’altro che sereno.

L’epilogo degli Europei non ha certo reso onore ad una Nazionale come quella Azzurra.

Infatti, le scelte di escludere nomi di peso per puntare su un talento ancora acerbo come la Antropova relegando in panchina una stella come la Egonu, oltre a sembrare discutibili, non hanno portato a nulla se non ad una cocente delusione.

Per semplificare, è come se Santarelli avesse deciso di assegnare il ruolo di comparsa alla sua giocatrice più forte, una come la Vargas che nella finale contro la Serbia ha messo a terra qualcosa come 41 punti. O come se De Giorgi facesse lo stesso con la sua punta di diamante Giannelli.

Appare inverosimile dunque la “pausa” annunciata da una fuoriclasse come la Egonu.

Ed è lecito chiedersi cosa mai possa essere accaduto nello spogliatoio azzurro.

Che sia una “punizione” per le dichiarazioni rilasciate dalla campionessa sul palcoscenico dell’Ariston? Oppure che certe decisioni siano frutto di valutazioni che esulano da elementi tecnici e anagrafici?

Non è dato saperlo. Certo è che il percorso che condurrà alle Olimpiadi appare complicarsi ancora di più considerando l’aria che si respira nella compagine azzurra e la presenza nel girone di avversarie ostiche come Stati Uniti e Polonia.

Insomma un lento e premeditato suicidio annunciato quello che sembra profilarsi, e del quale l’assenza di Egonu appare come la punta di un iceberg.

Chi si aspettava delle spiegazioni o semplicemente un’analisi critica sul deludente risultato di questi Europei, scaturito da un gioco di squadra che evidentemente non ha prodotto i frutti sperati, è rimasto deluso.

Nessun mea culpa, solo tanta amarezza e incertezza per il futuro e imminente percorso della maglia azzurra.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui