Elezione intergruppo parlamentare sud, eletti 4 Partenopei

0
278

Eletto l’intergruppo parlamentare “Sviluppo Sud, aree fragili e isole minori” che ha visto l’elezione di ben 4 esponenti partenopei .

Il Presidente dell’intergruppo, Alessandro Caramiello (M5S), ha espresso la sua soddisfazione riguardo alla presenza di Giuseppe Conte, sottolineando il valore e l’importanza di questo incontro: “E’ stato un successo! Il secondo appuntamento dell’intergruppo parlamentare “Sviluppo Sud, aree fragili e isole minori”, che mi onoro di presiedere, è stato impreziosito dalla partecipazione di Giuseppe Conte”.

Caramiello: “dar voce ai diversi mondi che animano l’Italia tutelando le aree fragili del Paese”

Il Presidente Caramiello sottolinea l’obiettivo comune di proteggere e tutelare le aree fragili del Paese: “La nostra realtà conta circa 40 parlamentari afferenti a tutte le forze politiche e oltre 80 esponenti provenienti dalla società civile tra cui: industriali ed imprenditori, vertici di ordini professionali regionali e nazionali, vertici di associazioni di categoria, Sindaci, docenti universitari e presidi di facoltà, giornalisti e comunicatori, scrittori, vertici del terzo settore, sindacati e diplomatici. L’obiettivo è di dar voce ai diversi mondi che animano l’Italia, con la finalità comune di tutelare le aree fragili del Paese.”

Valorizzare il Sud e le Isole minori

Sull’elezione dei quattro Partenopei eletti aggiunge: “Inoltre l’occasione è stata propizia per eleggere in seno al tavolo tecnico 8 esponenti del mondo delle professioni, della diplomazia, della società civile e degli enti locali: il Sindaco di Lacco Ameno Giacomo Pascale, il Console del Congo Angelo Melone, il Presidente Ancim già Sindaco di Forio Francesco del Deo, il presidente di Federcostruzioni Paola Marone, il Vicepresidente nazionale di Confindustria Pasquale Lampugnale, il professor Vito Umberto Vavalli, l’economista Giovanni Barretta e il Segretario dell’Ordine degli Ingegneri Ettore Nardi, capitanati dal presidente onorario lo scrittore Pino Aprile.

Di questi attori, ben 4 sono della provincia di Napoli. Nasce, dunque, ufficialmente un nuovo canale tra la società civile e il Parlamento, lungo il solco di un’unica area d’appartenenza geografica e al netto dei colori politici. Ci sarà molto da fare e non ci sottrarremo alle sfide che incontreremo, lungo il solco della valorizzazione del Sud, delle aree fragili e delle isole minori”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui