venerdì, Luglio 19, 2024
spot_img
Home Cultura Dedalus presenta la prima sfilata dell’atelier di sartoria sociale

Dedalus presenta la prima sfilata dell’atelier di sartoria sociale

0
Dedalus presenta la prima sfilata dell’atelier di sartoria sociale

Dedalus presenta, il 7 marzo alle ore 17.30, la prima sfilata dell’atelier di sartoria sociale Ciak si cuce. Un’occasione per raccontare un luogo unico e speciale. Modelle e modelli saranno le donne e i giovani che la vivono da beneficiari, insieme alle due insegnanti.

È previsto l’intervento musicale del laboratorio di percussioni capitanato dal musicista Maurizio Capone. Madrina d’eccezione che, con grande entusiasmo ha abbracciato il progetto, è l’attrice e scrittrice Miriam Candurro (Certi bambiniUn posto al sole). L’esposizione dei ritratti delle protagoniste e protagonisti della sfilata è a cura della fotoreporter Ada Masella.

Ciak si cuce

Ciak si cuce è il laboratorio di sartoria nato all’interno dell’Officina del fare per promuovere l’inclusione di persone con background migratorio e favorire la convivenza tra le differenze. È un luogo che offre la possibilità di fare emergere talenti e rafforzare competenze relazionali e professionali, come anche occasioni di scambio e condivisione di storie e vissuti personali tra giovani e donne provenienti da diversi paesi del mondo. La pluralità di culture delle persone che lo frequentano, lo rende un luogo vitale e creativo che, grazie a persone esperte del settore, produce oggetti artigianali originali e tutti diversi, ricavati da materiali da riciclo in una logica di sostenibilità e riutilizzo.

Coi teloni pubblicitari dei film che, dopo la promozione andrebbero al macero, donati dal Cinema Modernissimo si producono shopper, borse, astucci, accessori, tovagliette e altri prodotti sartoriali. Vengono utilizzati anche scampoli di stoffa di fine serie e di pelle, regalati da artigiani del territorio. 

Le persone, in gran parte donne, che si formano nella sartoria e alcune ricevono delle borse lavoro,provengono da dodici diversi paesi del mondo e, talvolta, da percorsi di fuoriuscita di violenza.Un’occasione per apprendere un mestiere che si sta perdendo e anche di creare relazioni e sperimentare la bellezza delle differenze.

La formazione in sartoria

Ogni manufatto che viene prodotto contiene una storia intrisa di umanità, sostenibilità, convivenza e inclusione, nel rispetto delle persone e del pianeta che abitiamo.

La sfilata rientra negli eventi del Marzo Donna di Dedalus dedicato a storie di riscatto da violenza e sfruttamento attraverso percorsi di protagonismo e autodeterminazione femminile.

Inizia alle ore 17.30 e si svolge nel salone di Officine Gomitoli in Piazza Enrico De Nicola 46, Napoli.

Leggi anche: Arch. Pica Ciamarra: “Ecco come riqualificare il Real Albergo dei Poveri”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui