Clima: come evitare un disastro – Bill Gates traccia la strada

0
192
Clima

di Orlando Caprino

Oggi il mondo sta morendo, i motivi sono molteplici:

  1. La natura devastata continuamente.
  2. La sempre crescente richiesta di energia.
  3. La sempre crescente richiesta di cibo.
  4. Invadere spazi incontaminati per civilizzali e spesso non sono da ciò spillover che hanno portato prima l’Ebola, poi il Covid 19 poi chissà cos’altro.

Un agronomo sconosciuto ai più slavò il pianeta creando il primo grano geneticamente modificato. Questo oggi è visto come un male, ma la popolazione globale stava passando da 2 miliardi di persone a 4 miliardi di cittadini.

Oggi l’agricoltura serve a cibarsi e i grandi colossi riescono ad arricchirsi, il sud Italia come grande lavoro produce tantissimo, anche grazie all’abbondante acqua e alla fertilità del terreno. Ciò non basta.

Clima: come evitare un disastro – Bill Gates traccia la strada

Per avere nei banchi frigo tutta quella carne in continuazione sempre forniti di carne ed altro non hanno alternative. L’interesse della sopravvivenza della specie è più importante di tutto il resto. Ciò è doloroso da apprendere, ma quando vediamo per tv, non ultimo report, immagini di ciò è da lì che viene tutto. Più che allevamenti li definirei coltivazioni

Molti dicono che c’è sempre uno più ambientalista di te. Iniziano ad esempio con allevamenti di nuove a terra, non mostro le immagini di quello che diventano dopo pochi mesi, ma finché la richiesta è in forte crescita non si piò pensare a d altro

Tutto ciò è realtà ma come sempre la realtà deriva da una esigenza.

Bill Gates nel suo ultimo libro – Clima. Come evitare un disastro – stima che con un chilogrammo di manzo se ne potranno riprodurre dagli 8 ai 12 chili. Alcune stime meno ufficiali parlano di quintali.

Questa carne sintetica è già in produzione e spesso parlare di imprenditori che vorrebbero approcciarsi al progetto.

Leggi anche:

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui