Caso Metropol: nuove rivelazioni sui legami russi

0
186
Caso Metropol

Caso Metropol, la Lega: “La macchinazione fatta contro la Lega era per danneggiarci alle ultime europee, intervenga il Copasir”.

Secondo il quotidiano La Verità, il ruolo del petroliere durante il summit al Metropol è stato interpretato, in una vera e propria messinscena, dall’agente FSB, Kharchenko (identificato grazie all’AISI). Infatti, secondo le carte, uno dei russi incontrati da Savoini e Tizian a Mosca è un ufficiale ex Kgb e non un petroliere.

Esponenti della Lega chiedono spiegazioni dall’intelligence e dalle autorità politiche coinvolte, che durante la campagna elettorale accusarono Salvini e il suo partito di cospirazione, complottismo e, in alcuni casi, addirittura di “alto tradimento”. Ora, con l’archiviazione della Magistratura, sulla questione regna un silenzio tombale.

Infatti, la Gip di Milano, Stefania Donadeo, al tempo ha accolto le richieste dei pm di Milano per l’archiviazione delle indagini e le accuse per corruzione internazionale di Savoini, Meranda e dell’avvocato ed ex banchiere Vanucci (presidente dell’associazione Lombardia – Russia).

Al centro dell’indagine c’era un’ipotetica trattativa per una compravendita di petrolio con tre intermediari russi, dove 65 milioni di dollari sarebbero serviti a finanziare le casse della Lega. Per i pm l’accusa era infondata ed è stata dunque accolta l’archiviazione del caso.

Caso Metropol,Salvini: “Aspettiamo le scuse di tanti e prepariamo le querele per molti”

Furono queste le dichiarazioni di Salvini in seguito alla sentenza emessa qualche mese fa, nella quale era stato stabilito che:

“Nonostante sia stato accertato che i tre mediatori italiani legati alla Lega si attivarono per concludere transazioni commerciali con fornitori russi di prodotti petroliferi, non è mai stato individuato un pubblico ufficiale russo come destinatario delle presunte tangenti”.

I pm, già tempo prima di avanzare la richiesta di archiviazione, scrivevano:

“Sebbene fosse verosimile che il segretario della Lega (Salvini) fosse a conoscenza delle trattative portate avanti, non sono mai emersi elementi concreti sul fatto che Salvini abbia partecipato personalmente alla trattativa, o comunque abbia fornito contributo alla stessa”.

Insomma, il caso Metropol resta tutt’oggi una questione nebulosa, con più ombre che luci, e in cui la Lega appare come la parte lesa.

Leggi anche: https://www.centrosud24.com/calderoli-condannato-a-sette-mesi-prossime-le-dimissioni/

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui