Spettacolo a San Siro: termina 1-1 tra Milan e Atalanta

0
347

Domenica sera di gran calcio a San Siro. Milan e Atalanta regalano spettacolo per 90’ minuti. Le reti di Leao e Koopmeiners permettono di dividere la posta in palio.

Big match

Milan e Atalanta danno vita al big match della 26esima giornata. I rossoneri, reduci dalle fatiche di coppa, ospitano l’Atalanta proiettata alla conquista del quarto posto. Pioli, sempre più discusso da stampa e tifoseria, decide di schierare l’11 migliore per ritrovare la vittoria in campionato dopo la brutta sconfitta patita la settimana scorsa contro il Monza. Gasperini, invece, recupera Lookman soltanto per la panchina e decide di rinunciare a Scamacca dal 1’ lanciando una coppia offensiva leggera come Charles De Ketelaere e Miranchuk.

Spettacolo Leao

Il protagonista indiscusso della serata è Rafael Leao. Ed è proprio l’attaccante portoghese a sbloccare il match al 3’ minuto di gioco. Leao torna al gol in campionato dopo un digiuno lungo 5 mesi. E si sblocca scaricando un bolide all’incrocio dopo aver dapprima saltato Holm e poi Scalvini. Il popolo rossonero è totalmente in estasi per il golazo del 10 rossonero.

Per Leao il gol è soltanto l’inizio di una serata di onnipotenza calcistica totale.

Il momento chiave del match è al minuto 39’ del primo tempo.

Sugli sviluppi di calcio d’angolo in favore della Dea, Giroud nel tentativo di colpire palla alza un po’ troppo la gamba finendo per colpire Holm. Orsato, richiamato dal Var, non ha dubbi e fischia calcio di rigore in favore dell’Atalanta.

Sul dischetto si presenta Koopmeiners che non sbaglia e spiazza Maignan. 1-1 Atalanta al minuto 42’.

Un pareggio che non accontenta nessuno

Nel secondo tempo Gasperini lancia sul terreno di gioco sia Lookman e sia Scamacca.

A fare la partita, però, sono sempre i rossoneri.

Azione ben elaborata del Milan al minuto 60’ che vede Calabria smarcarsi e calciare verso la porta, ma il terzino rossonero subentrato nel secondo tempo si vede negare la gioia del gol da un fenomenale Carnesecchi.

L’azione più bella del secondo tempo, però, arriva al minuto 69’. Sempre per i rossoneri. E sempre con Leao protagonista.

Il 10 rossonero, infatti, lancia verso la porta avversaria Pulisic che di prima intenzione controlla il pallone, lo manda giù e calcia poi verso la porta. E per pochissimi centimetri non trova la rete del vantaggio rossonero.

Al minuto 80’ altra occasione ghiotta per i rossoneri. Come sempre è la fascia sinistra rossonera a costruire la palla gol. Theo Hernandez, infatti, serve verticalmente Leao, Carnesecchi riesce ancora una volta a chiudere lo specchio della porta, successivamente Giroud tenta di segnare di tap-in ma è Zappacosta a salvare i suoi sulla linea di porta.

Nei minuti finali di gioco non si registrano altre azioni da gol da ambo le parti.

Per il Milan è un pari amaro se considerate le tante occasioni da rete costruite nell’arco dei 90’ minuti. Viceversa, l’Atalanta può ritenersi più soddisfatta. Discorso che va però subito ridimensionato se considerata la classifica con il Bologna che, approfittando del pari della Dea, scavalca proprio la squadra bergamasca e si piazza al quarto posto in solitaria.

L’Atalanta avrà, però, modo di scavalcare e riappropriarsi del quarto posto già mercoledi sera giacchè recupererà il match della 21esima giornata di campionato contro l’Inter.

La corsa verso il quarto si fa sempre più interessante. Atalanta e Bologna in prima fila, subito dopo c’è in agguato la Roma rigenerata dalla cura De Rossi.

Contributo esterno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui