La polemica sulla caccia: l’urlo di protesta contro il Governo Meloni

0
77

Il clima infuocato che circonda la questione della caccia in Italia ha raggiunto il culmine con l’inasprimento delle politiche proposte dal Governo Meloni. L’accusa è pesante: l’esecutivo ha avviato una vergognosa promozione dell’attività venatoria, ignorando sentenze, leggi e valori sanciti dalla nostra Carta Costituzionale.

L’opposizione e gli attivisti ambientalisti sono in rivolta, denunciando il pericolo di una deriva senza precedenti nell’approccio alla fauna selvatica nel nostro Paese. Non è un caso che le proposte legislative in discussione, tra cui l’allungamento della stagione di caccia, la liberalizzazione di pratiche controverse come l’utilizzo di richiami vivi e visori termici, e la caccia sette giorni su sette, hanno scatenato un’ondata di indignazione tra coloro che si battono per la tutela dell’ambiente e degli animali.

In particolare, il provvedimento a firma del leghista Bruzzone ha sollevato una tempesta di critiche per la sua presunta incostituzionalità e per la sua contrarietà alle direttive europee in materia di tutela della biodiversità. Inoltre, le recenti procedure d’infrazione avviate dalla Commissione europea nei confronti dell’Italia mettono in luce gravi carenze nel rispetto delle normative comunitarie riguardanti la protezione delle specie marine, la conservazione degli animali selvatici e l’utilizzo di munizioni contenenti piombo.

Il Governo Meloni si trova dunque di fronte a una scelta cruciale: riconsiderare le proposte sulla caccia e adottare misure in linea con gli standard internazionali in materia di tutela ambientale, o rischiare pesanti sanzioni e la condanna della Corte di Giustizia dell’Unione Europea. La reputazione dell’Italia sul piano internazionale è in gioco, e l’immagine del Paese potrebbe essere gravemente compromessa se non verranno adottati provvedimenti correttivi in tempi rapidi.

La società civile, le associazioni ambientaliste e una parte consistente dell’opinione pubblica chiedono con forza un cambio di rotta, invitando il Governo a porre fine a questa pericolosa deriva e a mettere al centro delle proprie politiche la salvaguardia dell’ambiente e delle specie animali che popolano il nostro territorio. La battaglia per la difesa della natura e della biodiversità è appena iniziata, e il confronto tra sostenitori e detrattori della caccia si preannuncia acceso e cruciale per il futuro del nostro Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui