SOS Napoli, che il disastro di quest’anno sia da lezione per il futuro

0
280

Mancano soltanto 4 partite al termine di una stagione nefasta per gli azzurri. Ma anche da una situazione catastrofica si può trarre insegnamento. L’importante è non cancellare dalla memoria tutto ciò che si è vissuto negli ultimi 12 mesi.

Una stagione da incubo

La stagione del Napoli è stata grottesca. Quasi da applausi per la capacità di riuscire a sbagliare tutto ciò che si potesse sbagliare. Partendo dalla scelta del dopo Spalletti, per poi proseguire con quella del nuovo direttore sportivo e a seguire le due sessioni di calciomercato che a nulla sono servite. Se non ad indebolire la compagine azzurra.

Senza dimenticare , ovviamente, la scelta di affidare la squadra a novembre a Mazzarri. Un allenatore che ha scritto la storia del Napoli di De Laurentiis, ma che sicuramente non era l’uomo giusto in questo momento storico. Soprattutto con Tudor libero e pronto ad accasarsi in azzurro.

Ma ciò è il passato. Rimarcare gli errori commessi, e di cui il presidente De Laurentiis si è già assunto le responsabilità, appare ormai come un esercizio poco utile.

La vera domanda che si pongono oggi i supporters partenopei è: che ne sarà del Napoli il prossimo anno?

Il progetto può ripartire basta saper scegliere

Aurelio De Laurentiis si è mosso stavolta con grande anticipo. Ed ha già scelto il nuovo direttore sportivo, affidando le chiavi dell’area tecnica a Giovanni Manna.

Un dirigente giovane e capace. Da molti considerato un predestinato giacché si è occupato per anni della Juventus NextGen che ha scoperto i vari Soulè, Iling Jr, Fagioli e non solo.

Il primo passo è stato fatto. Adesso la prossima scelta andrà fatta sul nuovo allenatore.

Chi si occupa da anni di calciomercato afferma che ADL abbia già sondato e ricevuto la disponibilità da Conte, Pioli e Gasperini per allenare il Napoli il prossimo anno.

Ognuno con costi diversi. Per tale ragione la palla è adesso nelle mani di De Laurentiis. Toccherà a lui prendere la scelta migliore. E mai come stavolta sarà chiamato a non sbagliare.

L’errore da non commettere più

Una volta delineato chi sarà il nuovo allenatore degli azzurri, toccherà dar vita ad un calciomercato importante. Che vedrà il Napoli comprare innanzitutto il sostituto di Kim, con un anno di ritardo, il sostituto di Zielinski (che si legherà all’Inter a partire dal prossimo 1° luglio) ed il sostituto di Osimhen.

Ed è proprio con i soldi ricavati dalla cessione di Osimhen che il Napoli avrà la possibilità di agire sul calciomercato. Un calciomercato che dovrà però comprendere delle riflessioni ancora più profonde.

Soprattutto su alcuni calciatori che da anni militano nel Napoli e che quest’anno hanno palesato un rendimento deficitario. C’è da comprendere se il rendimento di alcuni calciatori sia stato frutto soltanto di un’annata storta o se frutto di stimoli venuti a mancare dopo l’apice raggiunto con la vittoria dello scudetto.

Saranno settimane e mesi di profonde riflessioni in casa Napoli. Le ultime partite ci diranno soltanto se il club parteciperà il prossimo anno ad una competizione europea o meno.

E’ lecito pregare affinché termini il prima possibile questo campionato. Ma senza dimenticare ciò che è successo ed avendo bene a mente il perché sia successo. Sbagliare è umano ma perseverare è diabolico.

Contributo esterno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui