“Sandokan” e “Briganti”. Quando la “fiction” racconta la realtà

0
55

Pirati e briganti come i partigiani, come i ribelli. Come chi lotta contro l’invasore e l’oppressore.

Ed ecco che queste due “serie” raccontano la storia. Il “colonialismo” è il leitmotiv, il filo rosso che le collega. Ed ecco che si aprono le polemiche su chi interpreta chi e sui set. Futili. Forzate. Il focus deve essere la storia. Deve essere la denuncia. Non l’attore o la scenografia.

Pirati e briganti contro il colonialismo

Sandokan viene descritto dalla Treccani come “Nobile pirata nemico dei colonialisti. Ardito, collerico, coraggioso fino all’inverosimile, Sandokan è (assieme al Corsaro Nero) il più celebre pirata-gentiluomo creato da Emilio Salgari alla fine dell’Ottocento”. Sandokan è un principe al quale i colonialisti inglesi hanno tolto il regno e distrutto la famiglia. La storia è quella del colonialismo inglese. Mentre spostando il “set” in Italia, la “colonia interna” è il Sud Italia.

Sui briganti finalmente si sta aprendo l’approfondimento ed il dibattito. Quello che mancava e che è sempre mancato e che ora si sta imponendo. Ci voleva la “fiction”, la finzione e la fantasia per raccontare un pezzo di storia che finora è stata tenuta nascosta.

Lo spostamento del “punto” e la deviazione del “focus”

Il focus sul tema colonialismo contro cui combattono i pirati viene spostato frivolmente sull’allestimento del set. Fa specie l’articolo di Repubblica nel quale si titola “Sandokan, giù le mani dalla serie cult: Can Yaman, Alessandro Preziosi e quella tv impossibile da replicare”. E si sottotitola: “Il Borneo è a Formello, fuori Roma o meglio nel Lazio, Labuan sarà a Lamezia Terme (fa un po’ impressione) ma di questi tempi, tempi di ristrettezze e di Film commission regionali, è scelta obbligata e non è quello il punto”. Infatti, non è quello il “punto”. Che sia la Malesia, la spiaggia calabrese, il Formello o la giungla, il “punto”, il “focus” su cui attirare l’attenzione e spendere qualche articolo è la storia, la denuncia, l’aggressione e il colonialismo. Antico, recente e nuovo.

La Calabria e il filo rosso delle due serie

Maria Oliverio, detta “Ciccilla”

La Calabria diviene un punto di incrocio e di connessione fra le due narrazioni. La spiaggia della colonia di Labuan è ambientata nell’area industriale di Lamezia Terme, mentre le “perle” sono sparse nei luoghi simbolo delle spiagge calabresi, da Tropea e Isola Capo Rizzuto. E calabrese è una delle brigantesse protagoniste della serie sui briganti. Si tratta di Maria Oliverio, della “Ciccilla”, interpretata da Ivana Lolito.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui