Musica e inclusione un binomio perfetto: Il Duo D’Addona – Desiderio incanta il MAV

0
574

Il 20 maggio si è tenuto il Concerto “Inclusion” dove la Musica é stata, come sempre, messaggera e veicolo di importanti tematiche sociali.

Il meraviglioso Museo Archeologico Virtuale tra le tante attrattive turistiche della città di Ercolano ha registrato il tutto esaurito in ordine di posti. L’evento organizzato dal Comune di Ercolano ha avuto risonanza nazionale visto che una parte di pubblico è arrivata da tutta la penisola ed ha accolto anche i numerosi turisti che nel weekend hanno scelto di visitare l’antica Herculaneum.

Musica e inclusione un binomio perfetto

Protagonisti del concerto, il M° Ivana D’Addona promotrice della serata che con le sue note ha incantato la platea, l’artista, eccellenza artistica di Ercolano, ritorna ad esibirsi nella sua città dopo una lunga assenza e, come previsto, Ercolano le ha regalato scroscianti e lunghissimi applausi.

Per questo concerto il M° D’Addona ha invitato il virtuoso violinista M° Gennaro Desiderio che ha lasciato i presenti senza fiato col suo suono capace di rievocare tutti i sentimenti. Due strumenti suonati da mani sapienti e consapevoli, una vorticosa danza di note e corpi da cui si innalza un’unica voce.

Il Duo D’Addona – Desiderio incanta il MAV

Meravigliose armonie e melodie da ricordare tra cui il già noto brano “Tempesta” suonato in una versione per pianoforte e violino, un’esplosione sonora che contraddistingue lo stile della compositrice. 

Hanno partecipato al concerto gli allievi e alcuni maestri dell’accademia ” Il Dito nell’occhio” diretta dal regista Donato Eremita che rappresenta un grande centro di aggregazione sociale e culturale sul territorio di Ercolano.

Oltre alle istituzioni di Ercolano era presente una folta rappresentanza del Gruppo Ferrovie dello Stato impegnato nella annuale raccolta fondi quest’anno a sostegno della Onlus InsuperAbili. Complimenti al Comune di Ercolano e all’Ufficio del Garante per la disabilità per la scelta dell’alta qualità artistica e il valore sociale dell’evento.

Leggi anche:

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui