Erasmus: un viaggio straordinario tra i giovani d’Europa

0
368
Erasmus
Hands waving flags of the EuropeanUnion

L’Erasmus rappresenta un’opportunità ma identifica anche una nuova generazione di europei.

di Gabriella Taulario

Quanto è utile andare in Erasmus? Certamente molto!  Sono diverse le opportunità che il programma propone. Se sei uno studente e hai intenzione di svolgere un’esperienza di studio o di tirocinio all’estero, l’opportunità più importante per te è rappresentata dal programma Erasmus+, un programma pensato dall’Unione Europea per favorire la mobilità dei giovani all’interno dei Paesi dell’Unione e non solo. Erasmus: cos’è, quando nasce e a cosa serve.

Non tutti sanno che “Erasmus” è in realtà un acronimo che sta per European Region Action Scheme for the Mobility of University Students. Si tratta di un programma pensato per favorire la mobilità studentesca dei giovani cittadini all’interno dei Paesi dell’Unione europea e la cooperazione internazionale. È stato avviato nel 1987, ha quindi da poco compiuto i suoi primi trent’anni di vita.

Erasmus: un viaggio straordinario tra i giovani d’Europa

Dal 2014 il programma Erasmus ha preso il nome di Erasmus+, e attualmente si configura come il programma dell’Unione europea per l’Istruzione, la Formazione, la Gioventù e lo Sport, rivolto non solo ai giovani universitari, ma a partire dai discenti degli istituti comprensivi dei paesi che fanno parte della Comunità Europea. Il suo principale scopo è, in effetti, promuovere opportunità di studio, di formazione, di lavoro o di volontariato all’estero ed è rivolto a tutti.

D’altronde il motto dell’Unione Europea è “Uniti nella Diversità”. Sono differenti i vantaggi per chi va a studiare o a partecipare a uno stage all’estero, anche per un periodo limitato di tempo. E anche se spesso si sente dire che chi parte per l’Erasmus fa tutto meno che studiare, bisogna invece pensare che un’esperienza formativa all’estero è uno degli elementi decisivi per la costruzione di un buon Curriculum Vitae e di uno spirito cosmopolita.

Erasmus, l’esperienza dei ragazzi dell’Istituto Apicio Colonna Gatti

Anche gli studenti dell’Istituto Apicio Colonna Gatti, in cui insegno, hanno capito la sua importanza, partecipando alle ultime mobilità: Paolo dice che uno studente della sua età, dai 14 in su, dovrebbe partecipare ad Erasmus per avere l’opportunità di conoscere persone, per fare esperienze nuove e visitare posti che magari normalmente non visiti.

E, nonostante le difficoltà di comprensione, Paolo è riuscito ad interagire con persone di altre nazioni, con una lingua e una cultura diverse e a farsi capire. E, ancora, i ragazzi che hanno partecipato alla mobilità ad Anzio, riferiscono che è stata un’esperienza eccitante e divertente, quasi come una vacanza. Ogni giorno un nuovo posto, una nuova esperienza, un nuovo amico ed è stato carino preparare pizza tutti insieme.

Ed ecco i cinque buoni motivi per fare un’esperienza Erasmus: imparare una lingua straniera – conoscere altre culture ed imparare ad accettare la diversità – inserire nel Curriculum un’esperienza all’estero – imparare a vivere da soli – fare nuove amicizie e divertirsi.

Ebbene, per tutti questi motivi, partecipare all’Erasmus significa vivere un’esperienza unica e indimenticabile!

Ogni viaggio lo vivi tre volte: quando lo sogni, quando lo fai e quando lo ricordi. (Anonimo)

Leggi anche:

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui