Biden avverte Israele: con attacco a Rafah “stop ad armi offensive”

0
90

In una significativa svolta riguardante Israele, Joe Biden ha dichiarato in un’intervista esclusiva con CNN di avere l’intenzione di condizionare le forniture militari, continuando con quelle difensive ma non offensive nel caso di un’invasione di Rafah.

Ecco le parole di Biden riportate dall’Ansa: “Continueremo a garantire che Israele sia sicuro in termini di Iron Dome e della sua capacità di rispondere agli attacchi giunti di recente dal Medio Oriente. Non lo faremo, non forniremo armi e proiettili di artiglieria”, ha aggiunto, riferendosi allo scenario di una vasta operazione di terra a Rafah. “Ho messo in chiaro che se entrano a Rafah, ma non vi sono ancora entrati, non fornirò le armi”

Il presidente ha spiegato che le azioni di Israele finora non hanno superato questa linea rossa, anche se hanno causato tensioni nella regione. “Non sono entrati in aree popolate”, ha sottolineato. Biden ha riconosciuto che le bombe americane sono state usate per uccidere civili a Gaza durante l’offensiva di Israele. “Civili sono stati uccisi a Gaza a causa di quelle bombe e di altri modi in cui attaccano le aree popolate”, ha detto il presidente, facendo riferimento alle bombe da 2.000 libbre la cui fornitura è stata sospesa.

La risposta di Israele è stata immediata: “Commenti molto deludenti”, ha definito le parole di Biden l’ambasciatore israeliano presso l’ONU Gilad Erdan. “Naturalmente, qualsiasi pressione su Israele viene interpretata dai nostri nemici come qualcosa che dà loro speranza. Ci sono molti ebrei americani che hanno votato per il presidente e per il Partito Democratico, e ora sono esitanti”.

Nel frattempo, il canale televisivo arabo Al Jazeera riferisce che quattro persone sono morte e altre 16 sono rimaste ferite in un bombardamento israeliano che ha colpito un edificio residenziale nella città di Rafah, nel quartiere occidentale di Tal as-Sultan. Fonti palestinesi citate dal Times of Israel hanno riferito di “intense incursioni aeree e avanzate di carri armati” nel quartiere nord di Zeitun della città di Gaza. In precedenza, le Forze di Difesa Israeliane (IDF) avevano annunciato attacchi contro “obiettivi terroristici” di Hamas nel centro della Striscia. Il sito web Ynet ha parlato di un “raid terrestre piuttosto ampio” nell’area del Corridoio di Netzarim.

Sul fronte delle trattative per un cessate il fuoco, Hamas mantiene la sua posizione favorevole alla proposta, ha detto Izzat El-Reshiq dell’ufficio politico del movimento islamista al potere nella Striscia di Gaza.

Contributo esterno

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui