Addio a Tina Turner, la leonessa del rock

0
404

Il mondo della musica perde un’altra leggenda. Tina Turner si è spenta ieri, 24 maggio 2023, dopo una lunga malattia. L’annuncio è arrivato tramite il suo portavoce in tarda serata: «Tina Turner, la regina del Rock’n Roll è morta serenamente all’età di 83 anni dopo una lunga malattia nella sua casa di Küsnacht vicino a Zurigo, in Svizzera».

All’anagrafe Anna Mae Bullock, nata a Brownsville il 26 novembre 1939, era naturalizzata svizzera con tanto di cittadinanza dal 2013. Assieme all’ex marito, Ike Turner, dal 1986 occupa un posto della famosa Hollywood Walk of Fame e solo cinque anni dopo conquista una stella sulla Rock and Roll Hall of Fame. È proprio con Ike che è iniziata la sua carriera con il quale però intrattiene un rapporto burrascoso pieno di episodi di violenza mentale e fisica che Tina decide di terminare mettendo così fine anche al sodalizio professionale. Seguì un periodo di silenzio, per poi riesplodere a livello internazionale negli anni ’80, con l’album “Private Dancer”.

Una vita difficile quella dell’artista, solo pochi mesi fa era venuto a mancare il suo secondogenito Ronnie, morto a 62 anni a causa di un cancro. Su Instagram la cantante aveva condiviso in un post, che ha fatto il giro del mondo, tutta la tristezza del momento: «Ronnie, hai lasciato il mondo troppo presto. Nel dolore chiudo gli occhi e penso a te figlio mio amato» corredato da un’immagine della Turner ritratta in bianco e nero, con il viso contratto e gli occhi chiusi. La seconda tragedia, questa, dopo la morte del primogenito Craig, nel 2018, per suicidio.

Addio a Tina Turner, la leonessa del rock

Negli ultimi anni aveva però trovato conforto nel buddismo e si era risposata con un uomo più giovane di lei, Erwin Bach. Poi, arrivano i problemi di salute gravi, tali da aver spinto l’artista a pensare di ricorrere al suicidio assistito. Un ictus, prima, poi un tumore all’intestino e infine una grave insufficienza renale risolta grazie alla donazione di un rene da parte dell’ex marito.

Ma è ancora il buddismo a darle conforto spirituale, infatti la Turner in un’intervista a Vanity Fair dichiara: «C’è un passaggio del filosofo buddista del XIII secolo Nichiren che mi è stato prezioso, allora.

Dice: “Nam-myoho-renge-kyo è come il ruggito di un leone. Quale malattia può essere dunque un ostacolo?”. Nam-myoho-renge-kyo è un altro nome per lo stato illuminato che esiste in ognuno di noi, che è più potente di qualsiasi difficoltà che possiamo incontrare. Attraverso la pratica spirituale, ho evocato il mio leone interiore e ho superato tutte le sfide. La malattia mi ha fatto ricordare di godermi ogni giorno al massimo».

Grazie Tina per averci deliziato con la tua arte, sei stata una leonessa!

Leggi anche:

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui